Cucina Cinese/ Primi piatti/ Ricette dal Mondo

Ravioli al Vapore Vegan con Salsa Agrodolce

21 novembre 2015
ravioli al vapore

Oggi facciamo un salto dall’altra parte del globo e prepariamo i ravioli al vapore vegan o jiaozi in cinese, rivisitati in chiave veg! A me piacciono un sacco i ravioli al vapore, serviti con quella salsa agrodolce che crea un connubio perfetto e un’esplosione di gusti in bocca. Ricrearla a casa è stato più semplice di quanto pensassi e se seguirete le mie dritte otterrete anche voi un piatto favoloso che stupirà tutti.Non lasciatevi in alcun modo intimidire dalla lista degli ingredienti: leggendo vi accorgerete della semplicità della preparazione!

Potete preparare questi ravioli al vapore utilizzando il classico cestello di bambù oppure una qualsiasi vaporiera elettrica o l’apposito supporto del bimby. Io preferisco la vaporiera in bambù, rivestita di carta forno o meglio ancora di foglie di verza, perché dà al piatto finito un sapore caratteristico.

ravioli al vapore vegan

 

Per una cena totalmente a tema asiatico, preparate anche degli involtini primavera accompagnati dalla stessa salsa agrodolce insieme a qualcuna delle tante altre ricette cinesi che potete provare qui sul mio blog. Sono tutte semplicissime, ricette cinesi vegetariane ideali se amate la cucina etnica.

Ravioli al vapore

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Serves: 3 persone
Prep Time: 30 minuti Cooking Time: 10+20 minuti

Ingredients

  • Per l'impasto: 200 gr di Farina 00
  • 100 ml di Acqua calda
  • 1 pizzico di Sale
  • Ingredienti per il ripieno: 1/2 panetto di Tofu al natuare
  • 1 falda di Peperone (opzionale)
  • 4-5 foglie di Cavolo Bianco
  • 1 Carota
  • 3-4 Funghi (io Champignon)
  • 2 funghi Secchi
  • Prezzemolo (meglio ancora Coriandolo)
  • 1/2 Cipolla o 1 Cipollotto
  • 1 pollice di Zenzero
  • Olio di Sesamo (o un olio di Semi leggero)
  • Salsa di Soia

Instructions

1

Impastate la farina con l'acqua tiepida e il pizzico di sale: potete farlo a mano, disponendo la farina a fontana o in una ciotola, oppure direttamente in planetaria. L'importante è ottenere un impasto liscio e morbido, che andrete poi a far riposare almeno una mezz'ora coperto da pellicola.

2

Dedicatevi ora alla preparazione del ripieno. Tritate la cipolla (se usate il cipollotto tagliatelo a rondelle) e rosolatelo con l'olio in un wok.

3

Aggiungete poi lo zenzero tritato, la carota tagliata a julienne, il peperone affettato molto sottile, i funghi tritati grossolanamente (sia gli champignon che quelli secchi che avrete precedentemente ammollato  in acqua tiepida) e il cavolo affettato a striscioline sottili.

4

Sfumate con un paio di cucchiai di salsa di soia.

5

Portate a cottura le verdure finchè saranno tenere, aggiungendo se necessario qualche cucchiaio di acqua, quindi unite il tofu sbriciolato con le mani e il prezzemolo tritato. Lasciate che i sapori si amalgamino qualche minuto quindi togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.

6

Dedicatevi alla stesura della pasta: io vi consiglio di utilizzare una nonna papera perchè andrà tirata molto sottile e io, con il solo mattarello, non ho ottenuto un risultato soddisfacente.

7

Una volta stesa, ricavate con un coppapasta di circa 8 centimetri di diametro dei dischi. 

8

Disponete su ciascuno un cucchiaino di ripieno e chiudeteli a sacchetto premendo con le dita verso il centro in modo da far aderire la pasta (guardare l'immagine in alto vi aiuterà a capire, è più semplice a farsi che a dirsi).

9

Disponeteli in una vaporiera (meglio se di bamboo) rivestita con delle foglie di cavolo (o di cartaforno bucherellata), avendo l'accortezza di mantenerli distanziati tra loro e cuoceteli mettendoli su una pentola con acqua in ebollizione per circa 20 minuti.

Potrebbe piacerti anche...

2 Comments

  • Reply
    cinzia
    26 novembre 2015 at 15:19

    Mai provati,mi segno subito la ricetta!

  • Reply
    Viola Pasticci e Pasticcini
    27 novembre 2015 at 20:31

    Squisiti, bravissima!

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.