Dolci

Strudel di mele, ricetta di Marco Bianchi

strudel di mele

Lo strudel di mele è il dolce per eccellenza del Trentino Alto Adige. La sua origine però è da ricercarsi molto più lontano, in Turchia per la precisione. Il suo antenato infatti è il dolce noto con il nome di Baklava: sottili fogli di di pasta fillo alternati a miele e frutta secca danno vita ad un dolce tanto buono quanto calorico. Dalla tradizione turca a quella ungherese, per poi passare a quella austriaca, trasformandosi in un rotolo di pasta contenente mele, uvetta e cannella. Dall’Austria al Trentino il passo è breve e, grazie alle grandi coltivazioni di mele della zona, il dolce si diffuse nella regione divenendone il simbolo.

La ricetta di Marco Bianchi è simile all’originale nel ripieno, differente per la crosta esterna. A mio parere è più semplice da preparare e anche più gustosa, proprio perché più spessa della tradizionale. Inoltre non prevede utilizzo di uova, quindi avrete una ricetta dello strudel di mele vegan.

La pasta esterna può tranquillamente essere sostituita con una pasta brise (se vi piace ne ho preparata una deliziosa alle castagne) oppure con una pasta sfoglia, quelle del banco frigo. In questo modo avrete un dolce veloce, ideale per gli ospiti dell’ultimo minuto.

strudel-vegan-marco-bianchi-2

Ingredienti per lo strudel di mele (per 6-8 persone):

Per la pasta:

  • 350  g di Farina di tipo 1 o 2
  • 1 pizzico di Sale
  • 1 cucchiaio di Zucchero di Canna
  • 3 cucchiai di Olio di Semi
  • 130 ml di Acqua tiepida

Per il ripieno:

  • 50 g di Uvetta
  • 1 kg di Mele renette (io ho usato le golden, sono circa 4 mele)
  • 50 g di Zucchero di Canna
  • 1 cucchiaino di Cannella
  • 1 Limone (succo e scorza)
  • 25 g di Noci sgusciate
  • 1 cucchiaio di pane grattugiato

Per completare:

  • Latte (io vegetale)
  • Zucchero a velo

strudel-vegan-marco-bianchi-1

Procedimento:

Come prima cosa prepariamo la pasta dello strudel. Potete eseguire questa operazione a mano o in planetaria, il risultato non cambia.

Mescolate la farina con lo zucchero e il sale. Unite quindi l’olio e iniziate a mescolare. Aggiungete poi a filo l’acqua e impastate fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo. Trasferitelo in una ciotola coperta e lasciatelo riposare almeno 30 minuti in un luogo tiepido (il forno spento con la luce accesa è l’ideale).

Nel frattempo dedicatevi al ripieno. Pulite le mele, affettatele o riducetele a cubetti e trasferitele in una ciotola con la scorza e il succo del limone, la cannella e lo zucchero. Mettete in ammollo anche l’uvetta in acqua tiepida.

Trascorso il tempo di riposo della pasta, stendetela dello spessore di un centimetro su un foglio di carta forno, dandogli una forma rettangolare. Cospargete il pane grattugiato che servirà ad assorbire il succo delle mele. Strizzate l’uvetta, aggiungetela alle mele e unite anche le noci tritate grossolanamente. Adagiate il tutto sulla pasta, lasciando un centimetro libero tutto attorno, quindi aiutandovi con la carta forno chiudete lo strudel e sigillate i lati premendo bene. Non preoccupatevi se sembra tanto ripieno, in cottura tenderà a ridursi.

Trasferitelo su una teglia da forno, spennellatelo con il latte e cuocete a 180°C per un’ora. Una volta freddo spolverizzate con zucchero a velo.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi