Primi piatti

Risotto alla Milanese di Carmagnola, non un banale risotto ai peperoni

risotto ai peperoni

La storia del peperone in Europa è, in certo senso, parallela alla mia. Importato da Cristoforo Colombo al ritorno dalle Americhe, insieme a patate e pomodori, non venne apprezzato fino alla fine dell’800.

Nei dintorni di Carmagnola però un imprenditore, tale Domenico Ferrero, ai primi del ‘900 si occupò di organizzare i contadini che già nella zona coltivavano il peperone. Organizzò un’esportazione (in territorio italiano) in grande stile: carri trainati da cavalli arrivavano fino al mercato di Torino e poi, su rotaia, in tutta Italia.

Oggi il Peperone di Carmagnola è un presidio Slow Food. Ne esistono diversi ecotipi: quadrato, corno di bue, trottola e tomaticòt le cui caratteristiche sono regolate da un severo disciplinare di produzione. Questo delizioso ortaggio inoltre è il protagonista di una famosa sagra che si tiene tutti gli anni a Carmagnola tra la fine di Agosto e i primi di Settembre.

Come vi dicevo, il mio rapporto con il peperone ricalca un po’ la sua storia. Inizialmente non lo potevo proprio vedere, poi la sua dolcezza mi ha conquistato.

Ho pensato così di creare una rivisitazione di un classico della mia zona, il Risotto alla Milanese. Vivo in una terra di risaie e preparare un buon risotto è una tradizione che mi ha tramandato la nonna. Calma, passione e cottura lenta garantiranno un riso all’onda degno dei migliori chef.

come preparare il risotto ai peperoni

Risotto alla milanese di Carmagnola (Risotto ai peperoni)

 

Il risotto alla milanese di Carmagnola vede protagonista il Peperone Quadrato giallo di Carmagnola. Il suo gusto dolce, cotto al forno, conferisce al risotto un sapore davvero unico.

Risotto ai peperoni, ovvero il Milanese di Carmagnola

Stampa ricetta
Porzioni: 2 Tempo di preparazione: 30 minuti Tempo di cottura: 20 minuti

Ingredienti

  • 1 Peperone giallo di Carmagnola
  • 1 Scalogno
  • 1 noce di Burro
  • 0,5 l di Brodo
  • 200 g di Riso Carnaroli
  • 50 g di Formaggio grattugiato
  • 50 ml di panna da cucina

Procedimento

1

Come prima cosa cuocete il peperone al forno per 25 minuti a 200°C.

2

Trasferitelo poi in un sacchetto gelo e lasciatelo intiepidire, in questo modo riuscirete a rimuovere più facilmente la pelle. Apritelo poi e rimuovete i semi.

3

Trasferitelo in un mixer e riducetelo in crema.

4

Dedicatevi ora al risotto. Tritate lo scalogna e rosolatelo in una noce di burro.

5

Quando diventa trasparente e tenero, aggiungete il riso. Scegliete una qualità per risotti, magari coltivata nella vostra zona in modo da valorizzare i prodotti del territorio.

6

Tostate il riso qualche minuto, mescolando con un cucchiaio forato di legno.

7

Iniziate ad aggiungere il brodo, poco per volta. Il riso deve essere coperto a filo in modo che in cottura rilasci l'amido.

8

Aggiungete anche la crema di peperone giallo che conferirà al risotto il caratteristico colore di quello alla milanese.

9

Nel frattempo preparate la crema al parmigiano reggiano che sarà il cuore fondente e cremoso al centro del vostro risotto ai peperoni.

10

Scaldate la panna e fatevi sciogliere il formaggio grattugiato. Mescolate velocemente prestando attenzione che non si stracci. Tenete in caldo.

11

A cottura ultimata, disponete un coppapasta al centro del piatto. Disponete tutto attorno il risotto e al centro la crema. Rimuovete il coppa pasta e coprite anche la crema con un velo di risotto.

Il vostro risotto ai peperoni è pronto per essere servito e stupirà tutti i commensali con i suoi gusti perfettamente bilanciati.

Potrebbe piacerti anche...

1 Comment

  • Reply
    «La Tradizione... Col Peperone!» La Lombardia porta in tavola le sue ricette - Il carmagnolese
    26 agosto 2017 at 9:00

    […] Beatrice Piselli de Il Cucchiaio verde ha portato in tavola il «Risotto alla milanese… di Carmagnola», rivisitando il classico primo piatto lombardo. La ricetta completa è disponibile qui. […]

  • Leave a Reply

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.