Antipasti

Melanzane sott’olio fatte in casa

Non avevo mai preparato le melanzane sott’olio. A dire la verità non le avevo mai nemmeno mangiate, complice l’aceto che si utilizza nella preparazione che mi ha sempre tenuta lontana.

Il nostro primo incontro è stato a casa di un’amica, quando ho assaggiato quelle preparate da sua mamma. Mi sono subito fatta dare la ricetta e non appena il mio orto ha prodotto le prime melanzane ho preparato queste deliziose conserve di verdura.

Si conservano in vasetti opportunamente sterilizzati per oltre un anno. Questo vi sarà modo di avere sempre a disposizione un po’ di estate anche durante i freddi inverni. Una volta invasettate, non è necessario procedere ad una nuova sterilizzazione tramite bollitura dei vasetti. Tuttavia, dopo averle preparate per il secondo anno di fila, ho svolto anche questa seconda operazione.

ricetta melanzane sottolio

Tra tutte le ricette di melanzane sott’olio perché proprio questa?

Perché io sono come san Tommaso: se non vedo non credo. Il mio primo impatto con le melanzane sottolio è stato con quelle nel vasetto e potrete ben immaginare qual è stata la mia reazione. Da lì in poi mi sono sempre rifiutata di assaggiarle nuovamente, fino a questo momento.

Ho anche perfezionato la ricetta rimuovendo la pelle delle melanzane e creandone una versione con i pezzi più piccoli, i filetti di melanzane sott’olio. E’ vero, c’è da tagliare un po’ di più, ma trovo che così siano davvero squisite. Io le mangio sulle gallette di riso, spalmate con un poco di philadelphia, quelle sere che proprio non mi va di stare ai fornelli.

Se come me amate le conserve, anche se diciamocelo, sono un grande impegno, provate anche le pesche sciroppate. Sono molto più buone di quelle comperate e non contengono conservanti o additivi!

Seguite sempre le normative del Ministero della Salute riguardanti la sterilizzazione dei vasetti. Non riciclate mai i tappi se potete. Costano davvero pochissimo e cambiarli ogni anno salvaguarderà la vostra salute.

Melanzane sott'olio

Stampa ricetta
Porzioni: 4 Tempo di cottura: 10

Ingredienti

  • Melanzane
  • Olio Evo
  • Aceto
  • Sale
  • Aglio

Procedimento

1

Lavate accuratamente le melanzane.

2

Tagliatele a fette spesse circa un centimetro.

3

Riducetele poi a strisce, in modo da creare una sorta di fiammifero molto grande.

4

In una pentola piuttosto piccola mettete un bicchiere di olio, un bicchiere di aceto e un pizzico di sale e portate a bollore. Sbollentate in questo liquido le melanzane per due minuti dalla ripresa del bollore, quindi scolatele con una schiumarola e mettetele su uno strofinaccio pulito ad asciugare.

5

Una volta asciutte mettetele nei vasetti sterilizzati assieme a qualche fettina di aglio e copritele con olio. Picchiettate i vasetti sul piano di lavoro in modo da fare uscire eventuale aria. Lasciate riposare così per una giornata, poi eventualmente rabboccate i vasetti con altro olio.

6

Chiudete definitivamente e ponete in un luogo buio fino al momento di consumarle.

Note

Negli anni a venire ho preferito rimuovere la buccia delle melanzane prima di procedere al loro taglio. Inoltre ne ho ridotto il formato, creando dei piccoli filetti.

Potrebbe piacerti anche...

1 Comment

  • Reply
    Melanzane sott’olio fatte in casa | Ricetta ed ingredienti dei Foodblogger italiani
    9 agosto 2016 at 5:13

    […] Creato da Il Cucchiaio Verde !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src="//platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");         VAI ALLA RICETTA […]

  • Leave a Reply

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.