Dolci

Brioche col tuppo con foto passo passo

Brioche col tuppo

Le brioche col tuppo sono le brioches tipiche siciliane, solitamente servite con un ripieno di granita o di gelato. In realtà l’abbinamento brioche-gelato non mi ha mai attirato, ma durante la mia ultima vacanza in puglia, ho avuto modo di provarlo con una di quelle brioche confezionate e mi è piaciuto davvero un sacco. Abbattuta la barriera della diffidenza, mi sono decisa e le ho preparate in casa, seguendo la ricetta originale. C’è poco da dire: STREPITOSE!

Le brioche col tuppo, tipiche siciliane, devono il loro nome allo chignon basso che le donne dell’isola portavano per raccogliere i capelli. Solitamente serviti con la granita alle mandorle, la versione originale conteneva strutto, poi sostituito con il burro per ottenere un sapore più delicato.

Soffici, profumate e bellissime. Le brioche col tuppo mi hanno conquistato!

Brioche col tuppo

Brioche col tuppo

Ingredienti:

  • 250 g di Farina 00
  • 250 g di Farina Manitoba
  • 2 Uova
  • 90 g di Zucchero
  • 12 g di Lievito fresco
  • 200 ml di Latte Intero
  • 1 cucchiaino di Sale
  • 75 g di Burro a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino di Miele
  • 1 cucchiaino di estratto di Vaniglia (o vanillina o semi di una bacca)

Per spennellare

  • 1 cucchiaio di Latte
  • 1 cucchiaino di Zucchero a velo

Procedimento

La preparazione, di per se, non è molto difficile, ma vi consiglio di utilizzare una planetaria.

In un padellino scaldate il latte e fatevi sciogliere il lievito e il miele.

Nella ciotola di una planetaria amalgamate le farine e lo zucchero.

Con il gancio a spirale iniziate ad impastare aggiungendo a filo il latte tiepido. Unite poi le uova, sempre con la planetaria in movimento, e la vaniglia.

Lasciate impastare a media velocità finchè l’impasto non sarà incordato (cioè avviluppato al gancio).

Aggiungete il burro a temperatura ambiente, un tocchetto alla volta prestando attenzione che l’impasto rimanga ben incordato.

A questo punto spegnete la macchina, rimuovete e il gancio e ponete a lievitare in forno spento con la luce accesa fino al raddoppio (circa 1 ora).

Brioches col tuppo 09

Prelevate l’impasto e dividetelo in 12 parti uguali. Da ciascuna di esse prelevatene un quarto, date ad entrambe una forma tondeggiante e adagiate la pallina più piccola su quella più grande.

Lasciate nuovamente lievitare fino al raddoppio, quindi spennellate aiutandovi con un pennello, con lo zucchero a velo sciolto nel latte.

Infornate a 180°C per 15 minuti.

Servitele con il gelato e un topping goloso (qui la ricetta del gelato allo yogurt).

Seguimi sulla mia pagina Facebook per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette!

Il Cucchiaio Verde

Potrebbe piacerti anche...

5 Comments

  • Reply
    Brioche col tuppo con foto passo passo | Ricetta ed ingredienti dei Foodblogger italiani
    18 luglio 2016 at 16:27

    […] Creato da Il Cucchiaio Verde !function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src="//platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");         VAI ALLA RICETTA […]

  • Reply
    Giovanna LB
    20 luglio 2016 at 7:39

    Buonissime! Da brava siciliana le faccio anch’io e sono ottime con la granita alla mandorla! 🙂

    • Reply
      admin
      21 luglio 2016 at 8:58

      Allora devo assolutamente provarla!

  • Reply
    Selina
    9 aprile 2018 at 17:42

    Da provare assolutamente!!! Posso chiederti di quanti Watt è la tua planetaria? Mi sembra che l’impasto per queste brioche sia piuttosto denso e non vorrei far surriscaldare il motore. La mia planetaria ha 600 Watt, cosa ne pensi? Su impastatriceplanetariaclik ho letto che un motore poco potente non è adatto ai lievitati. Se non dovesse farcela immagino che anche a mano l’impasto venga bene, o no?

    • Reply
      admin
      12 aprile 2018 at 19:29

      Ciao Selina, in effetti la mia planetaria è 1500W. Se hai un Kitchen Aid però sono sufficienti 900/1000 W perché cambia il tipo di motore. In ogni caso puoi sempre fermarti per qualche minuto nella fase di impasto se noti che si scalda troppo.
      Spero di esserti stata utile, fammi sapere com’è andata!

    Leave a Reply

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.